Museo Archeologico Nazionale Tarquiniense

1024px-cortile_interno_museo_archeologico_nazionale_tarquiniense_04

Ha sede nello splendido palazzo Vitelleschi, costruito tra il 1436 ed il 1439 sotto il pontificato di Eugenio IV, per volontà del Cardinale Giovanni Vitelleschi. La collezione, che presenta materiali provenienti dagli scavi condotti nell’area dell’antica città etrusca e nelle vaste e ricche necropoli, ci narra della vita degli etruschi e della loro concezione dell’oltretomba secondo la quale il defunto sopravvive dopo la morte.

Notevole è una ricca collezione di sarcofagi etruschi al piano terra, a cui si aggiunge al primo piano il settore destinato alle collezioni di ceramiche greche, tra cui vari capolavori come la kylix di Oltos, il vaso di Charinos, l’anfora di Phintias ed il cratere del Pittore di Berlino. Tra i reperti più pregevoli è il famoso altorilievo dei cavalli alati che decorava il frontone dell’ara della Regina, divenuto ormai simbolo della città di Tarquinia nel mondo. Unica nel suo genere è una sala del secondo piano dedicata a quelle tombe dipinte le cui decorazioni pittoriche furono staccate dal loro supporto naturale negli anni ’50 del XX sec. per motivi di conservazione.

Leave Comment